Fare il pane senza forno

Pane, focaccia, piadine, torte e prodotti da forno mettono allegria anche solo con il loro profumo.

Nulla evoca piacevoli ricordi e strappa un sorriso come il profumo del pane appena sfornato o della torta, da guardare attraverso il vetro del forno, aprendo lo sportello solo per verificarne la cottura con uno stecchino e poi attendere impazientemente di poter gustare la prima fetta.

Già, ma se il forno non lo avete, oppure è rotto, o ancora siete in barca in estate e le temperature fi fanno passare la voglia di accendere il forno e per un motivo o per l’altro a terra non si può andare, i casi sono due: rinunciare ai tipici prodotti da forno o trovare un escamotage.

Il pane in pentola a pressione

Ne abbiamo già parlato in un precedente articolo, perfetto in barca, dove la pentola a pressione regna incontrastata nelle piccole cucine di bordo.

Ricordatevi solo di lasciare aperta la valvola!

Fare il pane con la pentola a pressione

Il pane senza impasto cotto in pentola

Una ricetta molto interessante e da provare, adatta anche a chi non ama impastare o ritiene di essere poco abile ai fornelli. L’abbiamo letta su Dissapore, ve la riportiamo qui di seguito.

La ricetta del pane senza impasto cotto in pentola è molto semplice, occorrono solo una ciotola e un cucchiaio in cui l’impasto si lavora pochissimo.

Il segreto della ricetta risiede in una elevata idratazione e nei lunghi tempi di maturazione dell’impasto e il metodo, definito no-knead, è divenuto famoso grazie a  Jim Lahey, panificatore newyorchese,

Il risultato sarà un pane molto profumato, fragrante, con una mollica umida e non compatta e una crosta molto croccante.  

La ricetta del pane senza impasto cotto in pentola

Preparazione: 10 minuti; cottura 45 minuti

  • 400 g farina 0
  • 8 g Sale
  • 1 g Lievito di birra secco (o 4 di quello fresco)
  • 300 g acqua
  • Crusca (o farina 0 o farina di mais) per spolverare
  • Semi misti (facoltativi)

Ora mescolate in una ciotola capiente la farina, il sale e il lievito, quindi aggiungete l’acqua tutta in una volta.

Mescolate con un cucchiaio di legno per circa 30 secondi o finché non avrete incorporato tutta la farina.

L’ impasto sarà molto grumoso, umido e appiccicoso.

Coprite e lasciate maturare l’impasto a temperatura ambiente (circa 22°C) finché non sarà raddoppiato di volume e la superficie sarà punteggiata di bollicine. Saranno necessarie da 12 a 18 ore.

Terminata la lievitazione rovesciate l’impasto su un piano infarinato. L’impasto sarà molto appiccicoso, ma non aggiungete farina.

Piegate l’impasto partendo dai quattro “angoli” come fosse un fazzoletto, cospargete della farina che avete scelto per lo spolvero e lasciate in un canovaccio in un luogo caldo per un paio d’ore per la seconda lievitazione.

Ora passiamo alla cottura. Jim Lahey fa uso del forno, per quanto il pane venga cotto in pentola, noi – che il forno non lo vogliamo o possiamo usare – useremo la pentola a pressione come descritto sopra, oppure una normale pentola.

Nella pentola metterete una tortiera in alluminio usa e getta, bucherellata sulla base e messa nel tegame con la base rivolta verso l’alto a formare un cestello.

Ora mettere l’impasto sulla carta da forno e dentro al cestello in alluminio. La pentola dovrà essere abbastanza capiente per permettere al pane di crescere in altezza. Coprire la pentola con un coperchio e cuocere a fuoco alto per 5 minuti.

Abbassare la fiamma e cuocere per 30 o 40 minuti.

La focaccia caprese in padella

Ingredienti
  • farina
  • latte
  • lievito
  • mozzarella
  • olio
  • origano
  • pomodorini
  • prosciutto cotto
  • sale
Ricetta

Fare una montagnetta con la farina e mettere al centro acqua latte sale e olio, lievito e lavorare fino a ottenere un impasto liscio e compatto.

Dividere l’impasto in due, stendere una parte e metterla direttamente in padella, farcirla, quindi stender l’altra parte di impasto e metterla sopra alla prima sigillando bene i bordi. Fare cuocere a fuoco moderato per 10 minuti a lato, girando la focaccia come se fosse una frittata.

Pane veloce in padella senza lievito

OK, siamo in piena pandemia da coronavirus, il forno è rotto, la pentola a pressione è in un soppalco a casa della mamma, non avete nemmeno un briciolo di lievito (noto bene di prima necessità, totalmente introvabile di questi tempi) e non è il giorno della spesa settimanale.

La soluzione rapida è quella di fare dei panini cotti in padella sostituendo il lievito con bicarbonato e limone.

Da provare

Print Friendly, PDF & Email

Immagini collegate: