In barca a vela in inverno: come vestirsi

Quando si naviga durante la stagione invernale una delle cose più fastidiose è il freddo che sembra riuscire ad insinuarsi anche quando si indossano capi decisamente caldi e tecnici. 
La prima cosa da fare è, naturalmente, vestirsi a strati. Ma a volte non basta e oggi ci vengono in aiuto capi sempre più tecnici che promettono di tenerci al caldo e ben protetti in ogni situazione. Partiamo dal primo strato, l’intimo. 

Da Snep i nuovi tessuti per il benessere e per gli sportivi

Snep, azienda toscana che si occupa di integratori alimentari  e di benessere propone delle nuove soluzioni per l’intimo per sportivi e non.

Gli indumenti di Snep in tessuto biomolecolare sono prodotti con un innovativo filato elasticizzato che include biomolecole capaci di riflettere i raggi infrarossi emessi spontaneamente dal corpo umano, generando così un calore naturale, benefico e costante, capace anche di influire positivamente su dolori e infiammazioni.

Con effetti antinfiammatori e antidolorifici, il tessuto utilizzato da Snep per la sua linea di capi intimi del benessere ha effetti utili anche per migliorare le prestazioni di chi fa sport ed è registrato presso il Ministero della Salute come supporto all’attività sanitaria.

Il costante tepore che questi capi assicurano a chi li indossa è un sostegno naturale e complementare alle terapie farmacologiche così che ogni capo di questa linea Snep è un dispositivo medico senza controindicazioni. Numerosi studi clinici dimostrano infatti che il calore è consigliato nei casi di dolori da artrite, artrosi, infiammazioni articolari e traumi.

 Diversi i modelli proposti, per uomo e per donna

L’intimo adatto a chi fa sport

Come è stato ampiamente dimostrato, la biostimolazione e la micro circolazione danno grandi benefici a chi fa sport. Gli infrarossi infatti agevolano il ruolo che l’acqua svolge in ogni processo biologico ed è grazie a questo che gli sportivi possono ottenere grandi benefici in termini di:

  • incremento nelle prestazioni atletiche;
  • recupero più facile e veloce dopo l’attività sportiva;
  • minor affaticamento;
  • minor dolore muscolare tardivo, minor formazione di acido lattico;
  • rilassamento muscolare;
  • riduzione di infiammazioni e gonfiori;
  • sollievo da spasmi muscolari
Resta sempre aggiornato, seguici su Facebook
BIBLIOGRAFIA

Gli indumenti Snep Easeline, possono essere acquistati online, sul negozio Snep.

1. Boschiero D., C. Zennaro: La correzione del pH tissutale. rev.0 – 9/2/2005; – BioTekna Labs Biomedical Technology Research and Development Lab Area Science Park, Trieste.

2. Ciaranfi E., Schlechter P., Bairati A., Automatismi biologici e malattia: interpretazione della fisiopatologia come equilibrio omeostaticoEdizioni scientifiche e tecniche mondatori marzo 1979;

3. Epstein RM, Shields CG, Meldrum SC, Fiscella K, Carroll J, Carney PA, Duberstein PR, Physicians’ responses to patients’ medically unexplained symptoms, Psychosom Med, 2006 Mar-Apr, 68(2):269-76;

4. Giammarioli S., Filesi C., Sanzini E., “Danno ossidativo e antiossidanti della dieta”– La Rivista di Scienza dell’Alimentazione, anno 27 n°1, 1998;

5. Jammes Y, Steinberg JG, Mambrini O, Bregeon F, Delliaux S, Chronic fatigue syndrome: assessment of increased oxidative stress and altered muscle excitability in response to incremental exercise, J Intern Med. 2005 Mar;257(3):299-310;

6. Kurtz I, Maher T, Hulter HN, Schambelen M, Sebastian A. Effect of diet on plasma acidbase composition in normal humans. 1983. Kidney Int. 24(5):670-80;

7. Leal AM, Moreira AC, Food and the circadian activity of the hypothalamic-pituitary-adrenal axis, Braz J Med Biol Res, 1997 Dec, 30(12):1391-405;

8. Murray Michael (1996) “Il potere curativo dei cibi” RED Ed.;

9. Pancheri P., Stress e Malattia – “Basi psicogenetiche ed effettori dei disturbi somatici”, Arti Grafiche delle Venezie – Vicenza 1986;

10. Paolelli E., Il concetto di psiche e psichiatria in Medicina Funzionale, Riv. Medicina Funzionale, 2000 (3): 18-22; 11. Pellegrini S., La biologia molecolare nello studio della psicopatologia, Riv. Problemi in Psichiatria 2003, 30 (03): 5-14;

12. Pizzorno Jr Joseph E, Murray Michael T, Trattato di Medicina Naturale, Vol. 1 e Vol. 2, Red Edizioni Novara 2001;

13. Popp F.-A., Fisch J., Chang J.-J., Biophotons, London Kluwer Academic Publishers 1998;

14. Preziosi P., Fondamenti di neuropsico-farmacologia, Piccin Nuova Libreria 1992;

15. Racciatti D, Guagnano MT, Vecchiet J, De Remigis PL, Pizzigallo E, Della Vecchia R, Di Sciascio T, Merlitti D, Sensi S, Chronic fatigue syndrome: circadian rhythm and hypothalamic-pituitary-adrenal (HPA) axis impairment, Int J Immunopathol Pharmacol, 2001 Jan,14(1):11-15;

16. Rossi E. L., La psicobiologia della guarigione psicofisicaCasa editrice Astrolabio 1987;

17. Sclauzero E., Approccio non convenzionale ai disturbi psicologici e psicosomatici: sinergia tra Psicoterapia ad Integrazione Corporea, Omotossicologia e Fiori di Bach, La Med. Biol., 2005/2; 5-26;

18. Selye H.., The stress of live: a new theory of diseaseMcGraw-Hill, New York, 1956;

19. Shanks N, Harbuz MS, Jessop DS, Perks P, Moore PM, Lightman SL, Inflammatory disease as chronic stress, Ann N Y Acad Sci, 1998 May 1, 840:599-607;

20. Smith RC, Korban E, Kanj M, Haddad R, Lyles JS, Lein C, Gardiner JC, Hodges A, Dwamena FC, Coffey J, Collins C, A method for rating charts to identify and classify patients with medically unexplained symptoms, Psychother Psychosom, 2004 Jan-Feb;73(1):36-42;

21. Smith RC, Lein C, Collins C, Lyles JS, Given B, Dwamena FC, Coffey J, Hodges A, Gardiner JC, Goddeeris J, Given CW, Treating patients with medically unexplained symptoms in primary care, J Gen Intern Med, 2003 Jun, 18(6):478-89;

22. Stegagno M., Medicina kinesiologica: L’approccio clinico alla luce della bioenergetica, Tecniche Nuove febbraio 2000;

23. Weiner H. , Hofer M.A., Stunkard A.J., Brain behavior and bodily diseaseRaven Press, New York, 1981;

24. Woivalin T, Krantz G, Mantyranta T, Ringsberg KC, Medically unexplained symptoms: perceptions of physicians in primary health care, Fam Pract, 2004 Apr, 21(2):199-203;

2 risposte a “In barca a vela in inverno: come vestirsi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *